Author Archives: Anna Cantagallo

    • -

    Linguaggio. Ricordare le parole attraverso il midollo spinale

    Tags : 

    Linguaggio. Ormai dalla fine dell’Ottocento si è compreso che l’“area di Broca” e l’“area di Wernicke” sono coinvolte nel processo della produzione e della comprensione del linguaggio. La prima è identificata dall’omonimo neurologo che ha seguito un paziente che era incapace di parlare e che, sebbene circa comprendesse quanto gli veniva detto, riusciva a pronunciare solamente la sillaba “tan”, da cui il nome di Monsieur Tan con cui ad oggi il paziente è conosciuto. Dopo l’autopsia si è scoperto che Monsieur Tan presentava un danno organico al piede della terza circonvoluzione frontale dell’emisfero sinistro, che oggi prende appunto il nome di Area di Broca. L’area di Wernicke, invece, si trova nel lobo temporale superiore dell’emisfero sinistro, precisamente nella parte posteriore dell’area 22 di Brodmann; essa è coinvolta nella comprensione del linguaggio parlato, infatti, i pazienti con una lesione in quest’area parlano in maniera scorrevole ma senza un senso logico, in quanto non comprendono ilsignificato delle parole. Le due aree son connesse tra di loro dal fascicolo arcuato.linguaggio

    Da qualche tempo si è però compreso che le skills linguistiche comprendono altre zone del cervello – sia a livello subcorticale che corticale – e che sono determinate da una rete ampliamente distribuita nel cervello. A livello di terapia, l’ incapacità di esprimersi mediante la parola o di comprenderne il significato (che in gergo medico viene riassunto nella parola “afasia”), viene tradizionalmente riabilitata attraverso un’elettrostimolazione delle aree integre per favorire il più possibile il recupero della funzione andata persa. Per questa tipologia di intervento specifico sono però necessari dei macchinari di ultima generazione, necessari per localizzare le esatte parti del cervello danneggiate: una terapia difficile, costosa e quindi non accessibile a tutti. Un recente studio comparso su Frontier of Neurology (http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fneur.2017.00400/full) ha deviato la sede dell’intervento riabilitativo passando dal sistema nervoso centrale a quello periferico e agendo sempre attraverso la stimolazione. Più precisamente è stato indagato se il linguaggio possa essere immagazzinato e riattivato grazie a varie aree cerebrali,  tra queste una potrebbe riguardare il significato semantico delle parole o dei verbi. Diverse linee di prove avevano già suggerito che la corteccia senso-motoria partecipa all’elaborazione linguistica quando il linguaggio è tradotto in atti senso-motori. Ad esempio, grazie a studi passati si era compreso che quando le persone ascoltavano descrizioni di azioni, i neuroni somato-sensoriali, motori e premotori venivano attivati come se stessero eseguendo realmente le azioni corrispondenti. Insieme a questa visione più amplia di elaborazione linguistica, anche il concetto tradizionale di midollo spinale  è stato rivoluzionato da un gran numero di prove che han dimostrato che questa struttura acquista e memorizza anche nuovi comportamenti, mentre un tempo si pensava producesse “solamente” una varietà di movimenti specializzati ed era infatti considerato come un sistema che risponde automaticamente ai comandi che scendono dal cervello e agli ingressi sensoriali dalla periferia.

    Per dimostrare questa teoria, l’università Federico II di Napoli ha finanziato uno studio che comprendeva ​​14 afasici cronici per verificare se l’effetto combinato della stimolazione transcutanea della corrente continua spinale (tDCS) e del trattamento linguistico per il recupero di verbi e sostantivi potesse essere una terapia efficace. Per comprenderlo ogni soggetto è stato sottoposto a 20 minuti di tDCS con un’intensità di 2 mA, sopra le vertebre toraciche in tre condizioni diverse:  anodico,  catodico e  sham. Nel complesso,  i risultati hanno mostrato un significativo miglioramento della denominazione dei verbi nella condizione anodica rispetto alle altre due condizioni, che persisteva anche una settimana dopo la fine del trattamento (non esistevano invece differenze significative nel recupero dei nomi). Probabilmente questo è accaduto perché il tDCS anodico potrebbe influenzare l’attività lungo le vie somato-sensorie spinali ascendenti, portando dei cambiamenti neurofisiologici nelle aree senso-motorie cerebrali che a loro volta attivano il recupero dei verbi. Questi risultati supportano ulteriormente l’evidenza che, a causa delle loro proprietà semantiche senso-motorie,  le parole d’azione sono in parte rappresentate nella corteccia senso-motoria. Inoltre, documentano, per la prima volta, che la tDCS applicata al midollo spinale migliora il recupero dei verbi in afasia cronica e può rappresentare un promettente strumento per il trattamento e la riabilitazione linguistica.

    Anche tu sei interessato ad un percorso riabilitativo del linguaggio per tuo conto o per una persona a te cara? Vieni a trovarci! Qui aBrainCare potrai trovare gli strumenti valutativi del tuo livello di comprensione e espressione del linguaggio oltre che validi training riabilitativi personalizzati, anche con tDCS. Non esitare, ti aspettiamo!


    • -
    autismo

    Autismo. I maggiori fattori di rischio risiedono nella genetica

    Tags : 

    Autismo. L’autismo è un disturbo di natura biologica dovuto a dei deficit di origine neurologica che solitamente si manifesta entro il terzo anno di età. L’incidenza di questa patologia presenta percentuali maggiori nei maschi che nelle femmine e i sintomi si manifestano con gravi alterazioni nelle aree dell’interazione sociale, dell’immaginazione e della comunicazione verbale e non verbale. Inoltre, nella maggior parte dei casi, le persone con autismo presentano problemi comportamentali che nei casi più gravi consistono in atti ripetitivi (stereotipie, autolesionismo ecc.), anomali, auto o etero-aggressivi. Per quanto riguarda i cambiamenti nell’anatomia cerebrale sono state riscontrate anomalie strutturali  a cervelletto, ippocampo, amigdala, setto e corpi mammillari, e anomalie a livello di neurotrasmettitori  quali serotonina e beta-endorfine.

    La comunità scientifica ha da sempre dei dubbi nell’individuare la patogenesi dell’autismo (Autism Spectrum Disorder ASD). Da tempo però, nonostante sia diffusa la convinzione che le cause siano di tipo multifattoriale, si crede che le influenze genetiche e ambientali abbiano un certo peso.

    Un recente studio ha voluto prendere in analisi le cause dell’autismo per valutare il rischio biologico e ambientale di questa patologia, dando vita a ad una delle più grandi ricerche longitudinali sulla popolazione. Un’analisi pubblicata in JAMA nel 2014, che aveva coinvolto decine di migliaia di fratelli e fratellastri nati in Svezia tra il 1982 e il 2006, ha inizialmente stimato che l’ereditarietà dell’autismo o il rischio di sviluppare il disordine se è stato diagnosticato ad un membro della propria famiglia, fosse del 50%. Il nuovo team guidato da Sven Sandin della Scuola di medicina Icahn al Monte Sinai ha però riferito di aver riesaminato i dati di  quello studio – frutto di 37.570 coppie di gemelli, 2.642.064 coppie di fratelli (non gemelli), 432.281 coppie di fratelli con stessa madre e padre diverso, 445.531 fratelli con stesso padre ma madre diversa, e 14.516 con diagnosi di autismo nell’intero campione – utilizzando un nuovo metodo che credono offra un risultato più accurato. Il team ha analizzato i dati due volte ad una settimana di distanza utilizzando metodi diversi e comprendendo che il problema nelle diverse conclusioni è dato dal fatto che le stime di ereditarietà sono sensibili alla scelta dei metodi.

    Nello studio iniziale infatti (http://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/2654804 ), i ricercatori di Icahn e l’Istituto Karolinska in Svezia hanno utilizzato un set di dati che hanno tenuto conto di qualcosa che si chiama “effetti a tempo determinato” che può aver ridotto la stima di ereditabilità.

    autismo

    La settimana successiva invece la squadra ha riesaminato i risultati  (http://library.med.nyu.edu/cgibin/Shibboleth_ezp_ds.plentityID=NYULMCezpProdEntityID&return=https%3a%2f%2flogin.ezproxy.med.nyu.edu%2fShibboleth.sso%2fDS%3fSAMLDS%3d1%26target%3dezp.2aHR0cHM6Ly93d3cubmNiaS5ubG0ubmloLmdvdi9wdWJtZWQvMjQ3OTQzNzA-), tornando ai dati di studio e ha testato diversi modelli che includevano o escludevano determinati parametri genetici e ambientali per trovare quello che meglio si adattava ai dati.  Utilizzando alla fine il modello ritenuto più adatto, che includeva solo parametri aggiuntivi genetici e ambientali non condivisi dai fratelli, il team ha stimato l’ereditarietà dell’ASD all’83%. Ciò suggerisce che l’influenza ambientale contribuisce solo il 17 % al rischio di sviluppare il disturbo.

    Anche se gli autori hanno dichiarato che grazie alla metodologia più precisa la loro stima del rischio aggiornata sia più accurata, hanno aggiunto che è importante notare che sia le loro analisi attuali che precedenti hanno rilevato che l’ereditarietà dell’autismo fosse elevata e che, il rischio di sviluppare il disturbo, aumenta notevolmente con il crescere  della correlazione genetica.

    E tu vorresti conoscere la tua composizione genomica? Qui in BrainCare offriamo un’analisi dettagliata per l’individuazione le patologie ereditarie e le tendenze del proprio metabolismo con lo scopo di personalizzare, migliorare e prevenire. Ti aspettiamo!


    • -
    settimana

    Settimana Mondiale del Cervello: alla scoperta delle Neuroscienze

    Tags : 

    Settimana. La Settimana Mondiale del Cervello è una campagna mondiale , che si svolge una settimana all’anno, che ha come scopo quello di diffondere le nuove scoperte neuroscientifiche, in modo da poter favorire il progresso e la ricerca riguardo al cervello.

    L’obiettivo di questo evento è quello di far conoscere le Neuroscienze portando le persone ad avere una maggiore consapevolezza delle proprie funzioni cognitive e di promuovere la salute e il benessere della mente e del corpo.

     

    I nostri eventi

                                                                                            13 Marzo 2018         

    Memoria e attenzione : due alleate per la mente. Mettile in gioco!

     

    settimana

    Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui

     

     

     

     

     

     

    15 Marzo 2018

    Rivoluziona il tuo movimento con le Neuroscienze

     

    settimana

    Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui

     

     

     

     

     

     

    16 Marzo 2018

    Scopri quanto sei di-stressato!

     

    settimana

    Se vuoi avere maggiori informazioni sull’evento clicca qui


    • -
    fibrillazione atriale

    Fibrillazione atriale. Quando lavorare troppo causa aritmie cardiache

    Tags : 

    Fibrillazione atriale. Quando lavorare troppo causa aritmie cardiache

    La fibrillazione atriale. Tra le aritmie cardiache, la fibrillazione atriale è sicuramente la più diffusa. In particolare si tratta di una patologia elettrica degli atri che causa un’alterazione del ritmo cardiaco (appunto, aritmia) ed è eterogenea dal punto di vista sia fisiopatologico che clinico. La fibrillazione atriale presenta costantemente due caratteristiche: l’aumentato rischio trombo embolico e l’attivazione elettrica caotica e rapida del tessuto atriale. In parole più semplici, questa malattia è causata da una “tempesta elettrica” nel sistema di conduzione degli impulsi del cuore per cui le attività di pompaggio degli atri e dei ventricoli non sono più armonizzate tra loro, causando una diminuzione dell’efficienza dell’organo. Coloro che ne soffrono subiscono con maggior frequenza ictus cerebrali o insufficienze cardiache e hanno quindi un maggior rischio di mortalità.

    fibrillazione atriale

    L’University College di Londra ha portato a termine recentemente uno studio, pubblicato poi nell’European Heart Journal (https://academic.oup.com/eurheartj/article/3958185/Long-working-hours-as-a-risk-factor-for-atrial), che ha voluto indagare se lavorare troppo possa avere delle conseguenze negative significative sulla salute fisica delle persone. Per farlo sono state seguite 85.500 persone per un totale di circa 10 anni che quando hanno cominciato a partecipare allo studio godevano di una buona salute. I soggetti sono stati suddivisi a scaglioni in base al totale delle ore settimanali che passavano al lavoro: si partiva da una soglia di circa 35 ore settimanali fino ad un tetto di 55 ore o più. Durante questi 10 anni i ricercatori hanno registrato tutti i nuovi casi di fibrillazione atriale. I risultati hanno mostrato che chi lavorava anche con gli straordinari (per un totale di 55 o più ore) mostrava 5,2 casi di fibrillazione in più ogni 1000 persone rispetto a chi lavorava normalmente (35-40 ore a settimana). Se quindi il fattore di rischio che è stato identificato nella popolazione media è di 12,4 nuovi casi ogni 1000 persone, i lavoratori “instancabili” raggiungono un’incidenza di 17,6 su 1000. E’importante precisare che le analisi multivariabili hanno mostrato che l’associazione non era dovuta a fattori di rischio comuni, circostanze socioeconomiche o stili di vita.

    Questi risultati, inoltre, potrebbero dare una risposta più concreta a studi effettuati in precedenza sull’argomento: per esempio, era stato dimostrato che lavorare molto fosse associato ad un maggiore rischio di ictus. Quest’ultimo è infatti favorito dalla fibrillazione atriale.

    Sei preoccupato per il troppo stress lavorativo? Vieni in BrainCare! Oltre ad offrirti un appoggio psicologico e delle modalità efficaci di gestione dello stress,come alcune esclusive tecniche di rilassamento, potrai ancheusufruire del supporto del BioFeedBack ElettroMioGrafico (BFB-EMG) che ti aiuterà a migliorare il controllo dell’attività muscolare involontaria.

    Ti aspettiamo!!


    • -
    insonnia

    Insonnia. I rischi legati all’insonnia includono malattie cardiovascolari

    Tags : 

    Insonnia. I rischi legati all’insonnia includono malattie cardiovascolari

    Insonnia. Il corpo umano ha bisogno di un determinato numero di ore al giorno per riposare, recuperarsi e realizzare diverse funzioni metaboliche e rigenerative e per questo il sonno è un elemento essenziale per la salute ed il benessere. Infatti, durante il naturale e ciclico processo che va dal sonno alla veglia si verificano delle modificazioni nella secrezione degli ormoni, nelle funzioni termoregolatrici, in quelle cardio-vascolari e respiratorie. Il sonno viene considerato parte fondamentale dei processi vitali, basti pensare che passiamo circa 1/3 della nostra vista a dormire.

    Non sorprende quindi che chi ha un brutto rapporto con il proprio letto possa andare incontro a dei seri rischi per la propria salute. L’ insonnia, ad esempio,  è una patologia molto frequente nella società moderna che consiste nel sovvertimento dei normali ritmi del sonno o nella più semplice incapacità di addormentarsi, cosa che tutti almeno una volta nella vita abbiamo provato. La letteratura sull’argomento ci insegna che può essere causata da stress, soprattutto di tipo psicosociale (di cui un esempio possono essere i rapporti conflittuali nell’ambiente lavorativo), abuso di sostanze eccitanti, depressione, dolore fisico, disturbi ambientali e allergie, la roncopatia abituale associata ad apnee notturne, il jet lag, etc.

    insonnia

    Tra le problematiche di cui l’insonnia è colpevole, la più grave comprende un aumento del rischio di infarti e ictus. Sono stati finanziati molti studi per comprendere quanto, questa patologia, gravi sulla salute cardio e cerebrovascolare, ma i risultati ottenuti ad ora si sono dimostrati contraddittori, probabilmente per via del fatto che la definizione di insonnia era differente nei singoli studi. Per questo, il ricercatore Qiao He della China Medical University di Shenyang in Cina, ha deciso di compiere una meta analisi trasversale (“The association between insomnia symptoms and risk of cardio-cerebral vascular  events: A meta-analysis of prospective cohort studies”, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28359160) con lo scopo di mettere a confronto le varie ricerche fatte in materia. L’obbiettivo era quindi quello di comprendere se esistano effettivamente delle associazioni tra eventi vascolari e i sintomi dell’insonnia che sono stati definiti come: la difficoltà ad addormentarsi, la difficoltà a mantenere il sonno, lo svegliarsi al mattino presto e il non avere un sonno ristoratore.

    Per quanto riguarda invece gli eventi cardio-cerebrovascolari presi in considerazione, sono stati analizzati nello studio dati sull’incidenza di coronaropatia, insufficienza cardiaca, infarto miocardico acuto e ictus.

    In questo studio prospettico, pubblicato sullo European Journal of Preventive Cardiology, sono stati ripresi e analizzati 15 studi con un totale 160.867 soggetti analizzati che sono stati seguiti per un intervallo di tempo che variava dai 2 ai 30 anni, nel corso dei quali sono stati registrati un totale di 11.702 eventi cardio o cerebro-vascolari avversi. I risultati parlano chiaro: coloro dimostrato un tasso più alto di problemi cardio o cerebrovascolari, soffrivano di difficoltà ad addormentarsi, fatica a mantenere il sonno e che non percepivano un sonno ristoratore con delle incidenze rispettivamente del 27%, 11% e 18%. Mentre non è invece stata trovata alcuna correlazione con lo svegliarsi al mattino presto.

    Anche tu hai problemi a prendere sonno la sera o a mantenerlo come riposante e continuo? Vieni in BrainCare! Possiamo aiutarti insegnandoti utili tecniche di rilassamento per favorire il sonno e avrai inoltre a disposizione strumenti per la valutazione del sonno quali questionari, valutazioni neurofisiologiche, polisonnigrafo durante la notte a casa tua, che ti saranno estremamente utili per riuscire a dormire meglio! Ti aspettiamo!


    • -
    batteri

    Batteri. I batteri intestinali sono coinvolti nella Sclerosi Multipla

    Tags : 

    Batteri. La Sclerosi multipla (SM) è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso e che conta ben 110.000 casi solo in Italia. Secondo i dati riportati dall’Associazione italiana, la Sclerosi Multipla è la seconda malattia neurologica più diffusa nel giovane adulto e la prima di tipo infiammatorio cronico. Per quanto riguarda l’incidenza nel genere la ricerca ha riscontrato che colpisce maggiormente le donne degli uomini (63,8% contro il 36,2%) e viene diagnosticata, nella maggior parte dei casi, tra i 20 e i 40 anni. I sintomi della sclerosi multipla variano in base alla zona del cervello colpita dalla malattia e vanno incontro a fasi di remissione e riacutizzazione. Si possono verificare una progressiva perdita della vista, debolezza e tremori con problemi di coordinamento e di equilibrio, deficit nel controllo della vescica, nell’attività intestinale, nella sessualità e nelle funzioni emotive e cognitive.

    Read More


    • -
    cibo

    Cibo. Quando ciò che mangi influenza la tua salute mentale

    Tags : 

    Cibo.  La relazione che sussiste tra mangiare bene e salute fisica è ormai cosa nota. Infatti, molti studi hanno confermato che una solida e ricca dieta nutriente fa stare bene il nostro corpo aiutando a prevenire molte malattie croniche come obesità e sovrappeso, patologie metaboliche, ipertensione arteriosa,  il diabete tipo 2, malattie dell’apparato cardiocircolatorio, alcune forme di tumori, e molte altre.  Inoltre, è ormai cosa nota ai medici che una sana alimentazione fortifica il sistema immunitario contribuendo a proteggere l’organismo da alcune malattie non direttamente legate alla nutrizione.

    Read More


    • -
    suicidio

    Suicidio: inventato un algoritmo che ne prevede il rischio

    Tags : 

    Suicidio: inventato un algoritmo che ne prevede il rischio

    Suicidio. Il suicidio è l’atto volontario di darsi alla morte. Una persona che tenta o che compie il suicidio è una persona che vuole (atto di volontà) terminare la propria vita. Il suicidio è il gesto autolesionistico più estremo, tipico in condizioni di grave disagio o malessere psichico, in particolare in persone affette da grave depressione e/o disturbi mentali di tipo psicotico. Si calcola che tra lo 0,5 % e l’1,4% delle persone muoia per suicidio. I tassi di suicidio sono aumentati del 60% dal 1960 al 2012 soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. La principale causa del suicidio sarebbe la presenza di un disturbo mentale, in genere appartenente all’area dei disturbi del tono dell’umore e allo spettro dei disturbi psicotici, anche se le cause non possono essere ridotte esclusivamente alla presenza di questi specifici disagi psichici. Per valutare l’effettivo rischio di un comportamento suicida i clinici si avvalgono di una serie di indicatori: i fattori di rischio. I soggetti che desiderano il suicidio spesso mostrano infatti dei segnali che in qualche modo sono indicativi. Alcuni sono campanelli di allarme verbali “non ne vale la pena”, “sarai triste quando me ne sarò andato”, “preferirei essere morto”; altri sono comportamentali come dare via i propri beni oppure dire addio ai propri cari in maniera sentita e inattesa. Sì, questi sono tutti fattori allarmanti, ma forse la prevenzione e soprattutto l’individuazione di un eventuale pensiero di un atto suicida dovrebbe collocarsi prima di questi comportamenti, soprattutto al fine di evitarli.

    Read More


    • -

    Felicità. Raggiungerla o fare in modo che essa arrivi spontaneamente?

    Tags : 

    Felicità. Raggiungerla o fare in modo che essa arrivi spontaneamente?

    Felicità. Lo psicologo statunitense Martin E. P. Seligman è considerato il padre della Psicologia Positiva,  branca che si occupa di incrementare e potenziare le capacità personali e sociali per raggiungere il proprio benessere. La Psicologia Tradizionale d’altro canto si è sempre concentrata sugli aspetti che gravano sulla vita dell’individuo e sulle possibili soluzioni da adottare per debellarli e condurre un’esistenza priva di disagio.

    Read More


    • -

    Cani. Passeggiare con il cane: il miglior esercizio fisico per gli anziani

    Tags : 

    Cani. C’è una grande notizia per tutti gli amanti di fido: oltre alle grandi soddisfazioni ed emozioni che un cane riesce a trasmettere, portarlo a passeggio può essere un esercizio fisico molto salutare, soprattutto per i più anziani. Il cane si rivela così non solo il miglior amico dell’uomo ma anche un fidato personal trainer!

    cani

    Questo è ciò che è emerso da una ricerca (http://jech.bmj.com/content/71/9/905 ), capitanata  da Yu-Tzu Wu dell’University of East Anglia a Norwith (Gran Bretagna), che ha voluto indagare la probabile relazione positiva che sussiste tra il benessere fisico e il  vivere con un cane. Il team, per compiere questa analisi, ha utilizzato i dati derivanti dalla ricerca prospettica in Cancer and Nutrition Norfolk, che han permesso la partecipazione di un totale di 3100 persone. I soggetti dichiararono di avere un’età compresa tra i 40 e i 79 anni e l’età media si aggirava attorno ai 70 anni. La ricerca multilivello, pubblicata poi dal Journal of Epidemiology & Community Health, ha voluto comprendere se vi fosse una correlazione tra il possesso di un cane – che è stato auto-segnalato dai soggetti – l’attività fisica giornaliera e le condizioni meteorologiche. L’attività fisica giornaliera e la sedentarietà sono state misurate utilizzando accelerometri da polso per un totale di 7 giorni. Inoltre sono state considerate tre tipologie di condizioni ambientali: la durata di una giornata, le precipitazioni e la temperatura massima.

    Dai risultati è emerso che il 18% dei 3123 partecipanti, ha riferito di avere un amico a quattro zampe e due terzi  di essi hanno dichiarato di portarlo a passeggio almeno una volta al giorno. Inoltre si è notato che coloro che portano fuori regolarmente i loro cani, sono più attivi e meno sedentari anche nei giorni con le condizioni metereologiche ostili (temperature basse e maltempo) di quanto non siano i non-proprietari di un cane anche nei giorni con le condizioni meteorologiche migliori. Più precisamente, coloro che hanno portato a spasso i loro cani anche con un meteo ostile hanno dimostrato il 20% di livelli di attività fisica in più rispetto ai non-proprietari e sono stati sedentari ben 30 minuti in meno al giorno. Che significano questi numeri? In breve questo studio è riuscito a dimostrare che avere un cane aiuta ad avere un’attività fisica più intensa e regolare e questo può risultare molto utile per la salute, soprattutto dei più anziani. Infatti, incoraggiare il possesso di un cane e il portarlo a passeggio, dove opportuno, potrebbe rivelarsi una potente aggiunta agli interventi di assistenza primaria per sostenere l’attività fisica nei pazienti anziani. Ora hai un motivo in più per aprire la tua porta di casa ad un personal trainer a quattro zampe!

    Attenzione però, un cane può aiutare a mantenersi in movimento, ma non può in alcun modo sostituire  terapie riabilitative o fisioterapiche.Se sei interessato a comprendere più a fondo questo argomento e vuoi consigli su come svolgere un’attività fisica corretta e benefica, sia con che senza il supporto di fido, contattaci subito! Qui in BrainCare possiamo creare il tuo programma fisico e alimentare su misura per incrementare la tua salute nel tempo.

    Ti aspettiamo!


    I MIEI PARTNER

    NEWSLETTER


    SI NO (*) Desidero ricevere Newsletter nei termini e nei modi indicati all'interno della Privacy Policy.

    SI NO (*) Desidero ricevere Informazioni di carattere commerciale nei termini e nei modi indicati all'interno della Privacy Policy.

    (*) Prendo visione dell'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati.

    Seguimi su:

    

    PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA NELLA SEDE A TE PIU' VICINA