Tag Archives: funzioni attentive

    • -
    attenzione

    Funzioni attentive nel paziente cerebroleso: valutazione e riabilitazione

    Tags : 

    Funzioni attentive nel paziente cerebroleso: valutazione e riabilitazione

    Funzioni attentive. Il cervello può subire varie lesioni in qualunque momento della vita di un individuo: dal concepimento alla nascita, fino all’età adulta. Un danno cerebrale di origine traumatica o di altra natura, può determinare una condizione di coma, più o meno duraturo, e menomazioni sensomotorie, cognitive o comportamentali, che possono indurre una significativa disabilità. Da tale definizione vengono escluse le cause pre natali o post parto, le malattie degenerative del sistema nervoso e le patologia cerebrovascolari. Tali cerebrolesioni rappresentano un problema sanitario per vari motivi, in quanto colpiscono spesso giovani e adulti in piena età scolastica o lavorativa, per l’impatto emotivo che hanno sulla persona colpita che deve modificare il proprio stile di vita, a causa delle conseguenze sociali in termini di reinserimento lavorativo e scolastico, e soprattutto per la complessità della disabilità nelle varie funzioni dell’individuo.

    funzioni attentive

    I deficit cognitivi che insorgono a seguito di lesioni cerebrali possono riguardare lesioni di varia natura come la percezione, le funzioni esecutive, il movimento, l’attenzione, la memoria e il linguaggio. In particolare, un’alterazione delle funzioni attentive nel cerebroleso può manifestarsi in vari modi in quanto tale fenomeno non è unitario, ma richiede il coinvolgimento di svariati processi mentali. Infatti, il processo attentivo è in grado di ottimizzare l’elaborazione delle informazioni attraverso più proprietà, come: la detenzione e il riconoscimento degli stimoli, la possibilità di memorizzare e la capacità di richiamare eventi significativi. Tuttavia è possibile individuare delle caratteristiche tipiche, per cui ad esempio il paziente può presentare una eccessiva distraibilità e tendenza a perdersi nei dettagli con incapacità di sintesi, confusione mentale, inconcludenza nel portare a termine qualunque operazione, imprevedibilità etc. In generale dunque si riscontra una incapacità di focalizzare l’attività mentale su una operazione mentale, con impossibilità di migliorare le prestazioni di tale operazione. L’iter valutativo prevede la raccolta di informazioni da diverse fonti con interviste semistrutturate e/o questionari e una valutazione testistica approfondita in cui si indagano le abilità nei diversi sistemi coinvolti nell’attenzione, cioè attenzione focalizzata (o selettiva), attenzione divisa (o distribuita), allerta e attenzione sostenuta (o diffusa).

    La riabilitazione di tali pazienti riguarda specifici interventi personalizzati in base alla natura e intensità della lesione. E’ bene citarne alcuni come il training cognitivo, che consiste nel potenziamento delle abilità cognitive che prevedono sia le strategie per far fronte a carenze individuali, sia gli esercizi per potenziare le abilità in cui si riscontrano maggiori difficoltà. Inoltre, in letteratura si citano ampiamente le funzioni attentive lesionate a seguito di una cerebrolesione acquisita e gli interventi riabilitativi più efficienti. I contributi più recenti mostrano come un approccio di tipo selettivo, attraverso il quale si focalizza l’intervento nel miglioramento di funzioni attentive specifiche, può determinare dei miglioramenti più consistenti rispetto ad un approccio globale.

    Obiettivi

    • Fornire nozioni sul funzionamento delle funzioni attentive
    • Imparare a riconoscere le implicazioni del trauma cranico sulle funzioni attentive
    • Riconoscere la specificità dei singoli casi
    • Conoscere nuove metodiche di valutazione e riabilitazione

    Programma del corso

    8.30  –  09.00:Registrazione dei partecipanti
    9.00 – 10.00: Inquadramento teorico delle funzioni attentive
    10.00 – 11.00: Panorama generale: il trauma crenico e le implicazioni sulle funzioni attentive
    11.00 – 11.30:  Pausa caffè
    11.30 – 12.30:  La valutazione deli disturbi delle funzioni attentive in relazione al TC
    12.30 – 13.30: La riabilitazione delle funzioni attentive in relazione al TC
    13.30 – 15.00: Pausa Pranzo
    15.00 – 16.00: Presentazione di casi
    16.00 – 18.00: Nuove strategie per la valutazione e riabilitazione delle funzioni attentive

    Docente:
    Dott.ssa Anna Cantagallo:
    Medico neurologa e fisiatra, referee in neuroscienze. Direzione scientifica BrainCare.

    Quota di partecipazione:
    122 € + IVA

    Sede:
    BrainCare Direzione Generale – Via Fornace Morandi 24, Padova

    Modalità di iscrizione:

    Per iscriverti ai corsi 2018 è sufficiente compilare la scheda di iscrizione che trovi nella BROCHURE CORSI 2018 inviarla assieme alla ricevuta di pagamento a segreteria@braincare.it

    Per effettuare il bonifico di iscrizione ai corsi seguire le seguenti coordinate bancarie:
    IBAN: IT 70 Q 03268 12100 052832701030
    Intestato a BrainCare srl
    Banca Sella s.p.a., via S. Marco, 11/C – 35129 – Padova

    Per completare l’iscrizione è sufficiente inviare la ricevuta del pagamento e il modulo di iscrizione adeguatamente compilato, al seguente indirizzo: segreteria@braincare.it.

    Il corso fa parte del programma formativo del 2018 in tema di neuropsicologia. Scopri qui tutti i corsi in programma.


    PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA NELLA SEDE A TE PIU' VICINA